Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale

 

La legge 30.12.1991 n° 413 istituisce i "Centri Autorizzati di assistenza fiscale" che possono essere costituiti da una o più associazioni ed hanno come oggetto l’assistenza fiscale agli utenti del centro stesso apponendo attraverso il direttore tecnico responsabile, il visto di conformità formale dei dati indicati nelle dichiarazioni predisposte dalla società alle risultanze delle scritture contabili, anche in ordine alla deducibilità degli oneri di cui l’art. 10 del T.U. delle imposte sui redditi.

Con il decreto legislativo 241/97 sostituito dal DPR 322/98 i Centri di assistenza fiscale sono diventati anche "Intermediari Fiscali" al fine di presentare le dichiarazioni fiscali in via telematica.

Questo perché consente di ridurre il tempo che intercorre tra il momento della presentazione delle dichiarazioni e quello in cui le stesse sono controllate dall’amministrazione statale attraverso il sistema informatico all’uopo predisposto.

Tutto questo si traduce in consistenti vantaggi per gli utenti perché: 

• Eventuali anomalie riscontrate attraverso il programma di controllo possono essere corrette. 
• Sicurezza di avere assolto gli obblighi verso l’amministrazione fiscale. 
• Semplificazione degli adempimenti con l’immediata comunicazione degli esiti del controllo formale. 
• Massima riservatezza e certezza dei dati trasmessi. 

Tutto questo porta indubbiamente anche dei vantaggi all’amministrazione stessa con degli obiettivi immediati quali: 

• Disponibilità dei dati fiscali in tempi rapidi. 
• Migliore qualità dei dati. 
• Riduzione dei tempi e costi. 
• Aumento dell’efficienza. 
• Rapida conoscenza del gettito. 
• Valutazione più immediata di politiche fiscali.